CONTRATTO SCUOLA 2018: TABELLE RETRIBUZIONI E TABELLA MEF IVC

Si pubblicano:

1)Schema tabelle del CCNL SCUOLA :
a) tabella C1: Retribuzione tabellare da 1.4.2018;
b) tabella D1: Elemento perequativo per 10 mensilità dal 1.3 al 31.1.2018 poi prorogato fino alla sottoscrizione del nuovo contratto(art. 1 comma 440 legge 30/12/2018 n. 440(Finanziaria 2019) ;
c)Tabella E1. 1 :Retribuzione Professionale docente(RPD) incrementi da 13.2018;
d) Tabella E1. 3 : Compenso individuale accessorio(CIA) incrementi da 1.3.2018 per AA-AT etc.(aree B / C) e CS etc. ( Aree A/ As).
2)Tabella MEF IVC in base a qualifiche e gradoni da 1.7.2019 poi prorogata fino alla sottoscrizione del nuovo contratto .
NELLO SCHEMA TABELLE CONTRATTO sono stati elaborati le retribuzioni in mensili(st. base+ IIS + RPD ) con il TOTALE che non tiene conto della Indennità vacanza contrattuale e dell’Elemento perequativo in quanto rimangono fino alla sottoscrizione del Nuovo Contratto(art. 1 comma 440 legge 30/12/2018 n. 440(Finanziaria 2019) ;
LA tabella IVC del MEF è stata rielaborato in quanto NOI PA erroneamente aveva assegnato l’IVC in base alla SOLA qualifica.

3)PROSPETTO STIPENDI NETTI DA 1.1.2021 che partendo da CCNL 2018 Retribuzione tabellare annua 1.4.2018 guida passo passo alla elaborazione dell’imponibile mensile(Retr. + RPD = TOTALE LORDO MENSILE + IVC+ eventuale Elemento perequativo = TOTALE MENSILE +- Ritenute Assistenziali) e poi dell’IRPFEF LORDA – detrazione lavoro dipendente = NETTO MENSILE.
Al netto mensile(docente senza persone a carico) è da aggiungere, se spettante il CUNEO FISCALE di 100 euro(come credito) per un reddito da 8.174 fino 28.000 euro annui, o a scalare(come ulteriore detrazione alla voce lavoratore sommata a detrazione lavoro dipendente ) in proporzione da 28.00 a 40.000.

Il personale docente comunque non arriva ai 40.000 euro : infatti un docente di scuola superiore gradone 35 ha comunque una ulteriore detrazione di euro 60 circa mensili

L’eventuale cuneo fiscale(100 euro o ulteriore detrazione) non spettante verrà recuperato in fase di conguaglio a marzo dell’anno successivo in più rate nel caso superi i 60 euro (casi tipici: reddito annuo inferiore a 8,174 o attribuzione di 100 euro e poi in base al reddito annuo superiore a 28.000 rispetto al previsto deve essere recuperato in parte).