Archivi categoria: Concorsi

CONCORSO ABILITATI: REGIONI IN CUI SI SVOLGERANNO PROVE ORALI

Sulla G.U. Serie Concorsi ed Esami n. 30 del  13.4.2018 è stato pubblicato(clicca qui) l’avviso relativo alle aggregazioni territoriali del concorso docenti abilitati  cioè con pochi candidati.

Nell’ALLEGATO 1 vengono riportate le classi di concorso che non hanno avute aggregazioni  territoriali cioè quelle in cui la regione di presentazione delle domande coincide con quella di svolgimento della prova orale.

Nell’ALLEGATO 2 vengono riportate le classi di concorso che  hanno avute aggregazioni  territoriali  per l’esiguità delle domande .



FAQ 21: CONCORSO DOCENTI 2018

Il MIUR ha aggiunto una ulteriore faq la 21 che si riporta IN MERITO ALL’AVVISO CHE PROROGA LA CHIUSURA DELLE ISTANZE ALLE ORE 14   DEL 26 MARZO 2018(CLICCA QUI)

21. D: Visto lo slittamento dei termini di inoltro della domanda dal 22 al 26 marzo anche i titoli che si possono dichiarare devono riferirsi al 26 marzo 2018?
R: No, si tratta solo di una proroga della possibilità di inoltrare la domanda per ragioni tecniche. Pertanto resta fermo che tutti i titoli devono riferirsi alla data di scadenza prevista dal bando, ossia 22 marzo 2018.



FAQ 20 CONCORSO DOCENTI

Il Miur ha pubbIicato ulteriore FAQ:

  • 20. D: Relativamente alle classi di concorso A-53, A 55 -A 63 -A-64 istituite con il D.P.R. n. 19/2016, come è valutabile il servizio prestato fino all’a.s. 2016/17 dai docenti abilitati nelle classi di concorso A31 e A32, di cui al Decreto del Ministro della pubblica istruzione 30 gennaio 1998 n. 39 e s.m.i. e A077 di cui al Decreto del Ministro dell’istruzione, università e della ricerca 6 agosto 1999 n. 201, nelle discipline di cui all’allegato E al D.P.R. 15 marzo 2010 n. 89 nei Licei Musicali corrispondenti alle nuove classi di concorso?
    R: Tale servizio è valutabile come servizio specifico, ai sensi del punto D.1.1. della Tabella di valutazione dei titoli. A tal fine gli aspiranti dichiareranno tali servizi caricandoli tutti sulla nuova classe di concorso, precisando poi nella sezione NOTE, che i servizi dichiarati sulla classe di concorso di nuova istituzione sono stati prestati nel liceo musicale, con nomina da una delle classi di concorso di vecchio ordinamento (A031, A032, A077) in quanto antecedenti all’entrata in vigore del D.P.R. 19/2016.


FAQ CONCORSO DOCENTI ABILITATI 2018

Il Miur ha pubblicato le prime 19 FAQ(clicca qui) sul concorso docenti ABILITATI 2018.

  1. D: Il Bando prevede il pagamento di un diritto di segreteria di 5 euro. Io sono abilitato in più classi di concorso della scuola secondaria. Come devo effettuare il pagamento?
    R: Il pagamento deve essere effettuato, distintamente per ogni procedura a cui si partecipa. Quindi, se si partecipa per più classi di concorso, il pagamento deve essere effettuato per ciascuna classe di concorso/posto per cui si concorre. Anche per la partecipazione ad una classe di concorso ricompresa in un ambito disciplinare verticale, il pagamento deve essere effettuato per ciascuna classe di concorso ricompresa nell’ambito.
  2. D: Ho conseguito l’abilitazione con una procedura che dà accesso ad un ambito disciplinare verticale. Ho verificato che l’istanza consente di comunicare la richiesta di partecipazione solo per le singole classi facenti parte dell’ambito. Posso dichiarare due volte la stessa abilitazione?
    R: Sì, la stessa abilitazione può essere spesa sia per la classe di concorso di scuola secondaria di primo grado che per quella del secondo grado. Le due classi possono essere richieste entrambe. Non è possibile chiedere l’ambito, ma le singole classi di concorso facenti parte dell’ambito.
  3. D: Nel Menù Procedura di conseguimento dell’abilitazione che differenza c’è tra TFA D.M. 249/2010 art. 3 comma 3 e TFA D.M. 249/2010 art.15 comma 1 e 17?
    R: L’art. 3, com.3 del D.M. 249/2010 fa riferimento esclusivamente ai corsi di abilitazione nelle discipline artistiche, musicali e coreutiche. Indicare l’ art. 15 comma 1 e 17 del D.M. 249/2010 per tutte le altre abilitazioni conseguite con corsi TFA ordinari
  4. D: Quali sono i titoli di abilitazione che danno diritto al bonus di 19 punti previsto in Tabella? (Punti A.1.2. – A.2.2 e A.3.2.)
    R: Sono quelli riportati al punto A.4 della tabella di valutazione di titoli di II fascia delle graduatorie di Istituto del personale docente ed educativo, allegata quale Tabella A al D.M. 1 giugno 2017 n. 374.
  5. D: Per le abilitazioni che necessitano di titoli congiunti (A023, A053, A055, A063, A064), il riferimento al 31 maggio 2017 è relativo al solo titolo di specializzazione o si estende anche ai titoli congiunti?
    R: Anche i titoli congiunti devono essere posseduti alla data del 31 maggio 2017.
  6. D: Per il titolo di specializzazione in Italiano L2, richiesto per l’accesso alla classe di concorso A023, il D.M. 92/2016 fa riferimento ai soli titoli conseguiti entro l’anno accademico 2015/16. I titoli conseguiti successivamente non sarebbero quindi validi?
    R: Il riferimento all’a. s. 2015/2016 era relativo al concorso per titoli ed esami del 2016. Ai fini della presente procedura sono validi anche i titoli acquisiti successivamente, purché entro il 31 maggio 2017.
  7. D: Al punto B.5.1. della Tabella è prevista l’attribuzione di 5 punti per il superamento di tutte le prove di precedenti concorsi pubblici…. “per altra classe di concorso o tipologia di posto”. Vale anche per i Concorsi per la scuola primaria, per la scuola dell’infanzia, per il personale educativo e per i posti di sostegno?
    R: Si.
  8. D: E’ valutabile il titolo di specializzazione sul sostegno da acquisire con il III ciclo di TFA (punto B.5.7.)?
    R: No, in quanto sono valutabili soltanto i titoli posseduti alla data di scadenza della domanda. Il titolo di specializzazione non ancora conseguito ma da conseguirsi entro il 30 giugno 2018 vale solo come requisito di accesso con riserva.
  9. D: Ho letto che la certificazione C1 in lingua straniera vale 6 punti; avendo due certificazioni C1, sono solo 6 punti o si sommano e ne sono 12? Posso inserirle entrambe (punto B.5.10)?
    R: La funzione POLIS permette l’inserimento di più di una certificazione linguistica purché, se di pari livello, relative a lingue diverse.
  10. D: Il punto B.5.10 della tabella fa riferimento in modo generico alle “Certificazioni linguistiche di livello almeno C1 in lingua straniera”. Pertanto sono valutabili tutte le certificazioni linguistiche oppure soltanto quelle relative alle lingue Inglese, Francese, Spagnolo e Tedesco?
    R: Sono valutabili tutte le lingue straniere. Infatti il D.M. 7 marzo 2012, prot. 3889, sulle certificazioni non fa distinzioni tra lingue comunitarie e non.
  11. D: Al punto D.1.2. della Tabella è prevista la valutazione del servizio di insegnamento prestato “su altra classe di concorso o tipologia di posto..”. Quindi è valutabile anche il servizio prestato sulla scuola primaria, sulla scuola dell’infanzia e come personale educativo?
    R: Si.
  12. D: Posso inserire un servizio non specifico o scegliere su quale classe di concorso caricare il punteggio dei miei servizi?
    R: Nella dichiarazione dei titoli di servizio non si deve indicare se si tratti di servizio specifico o non specifico. Tutti i servizi dichiarati sono valutati in base a ciascuna classe di concorso per cui si partecipa.
  13. D: è possibile inserire per ogni anno scolastico il servizio prestato contemporaneamente in più classi di concorso per le quali si concorre? Oppure per ogni anno si è obbligati a scegliere una sola classe di concorso?
    R: Per ogni anno scolastico è possibile inserire il servizio prestato su più classi di concorso /tipologia posto.
  14. D: Chi raggiunge i 180 giorni di servizio negli ultimi giorni prima della scadenza può comunque dichiararli pur presentando la domanda prima della maturazione dell’effettivo servizio o deve attendere di averli raggiunti?
    R: Ai fini del raggiungimento dei 180 giorni è consentito dichiarare il servizio sino al 22 marzo 2018 anche se la domanda di partecipazione al presente concorso viene inoltrata in data anteriore. Purché il sevizio venga effettivamente svolto e sia coperto da contratto. Si ricorda, altresì, che il servizio prestato non è un requisito di accesso al concorso ma titolo valutabile.
  15. D: Cosa si intende per 180 giorni continuativi? Quali contratti sono valutabili?
    R: È necessario un unico contratto o proroga del medesimo contratto ,che comprenda un periodo di servizio continuativo non inferiore a 180 giorni per ciascun anno scolastico, oppure che il servizio sia stato prestato con contratto sino all’avente diritto e trasformato in altro contratto fino al raggiungimento dei 180 gg, oppure che il servizio sia stato prestato ininterrottamente dal 1°febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio.
  16. D: Per servizio continuativo si intende anche il servizio prestato senza interruzione ma con contratti diversi anche su scuole diverse?
    R. No, fatto salvo quanto specificato nella faq precedente.
  17. D: E’ valido il servizio prestato con un contratto sino all’avente diritto trasformato in altro contratto fino al raggiungimento di 180 giorni?
    R: Sì a condizione che il servizio sia continuativo e non vi sia stata interruzione tra i contratti.
  18. D: Eventuali assenze interrompono il conteggio dei 180 giorni continuativi, o fa fede la durata del contratto?
    R: Si considera valido il servizio giuridico in costanza di contratto. Tra le tipologie più frequenti sono ricomprese ad esempio l’assenza per malattia, congedo per maternità o parentale.
  19. D: Non sono certo che un titolo in mio possesso sia tra quelli richiesti dalla Tabella dei titoli, chi può darmi conferma? Quale punteggio avrò ?
    R: Il Candidato può dichiarare tutti i titoli in suo possesso, è esclusiva competenza delle Commissioni di Concorso valutare i titoli in base alla tabella punteggi allegata al DM 995/2017. Non rappresenta falsa dichiarazione dichiarare titoli effettivamente posseduti che si rivelino a giudizio delle Commissioni non valutabili. Per qualsiasi precisazione o dichiarazione titoli che non possa essere indicata nei campi previsti del modello di domanda, si invita a utilizzare la sezione NOTE.


DAL 20 MARZO AL 9 APRILE 2018 :DOMANDE PER COMMISSIONI CONCORSO DOCENTI ABILITATI

Con nota prot. n. 10031 del 20 febbraio  2018(clicca qui) ,che fa seguito a nota 14.2.2018 prot. 8900(clicca qui) , il Miur ha comunicato che le domande per partecipare alle commissioni giudicatrici del concorso docenti abilitati potranno essere presentate online dal 20 marzo al 9 APRILE 2018.
Le Commissioni di valutazione dei concorsi sono presiedute da un professore universitario o da un direttore di una istituzione AFAM o da un dirigente tecnico o da un dirigente scolastico e sono composte da due docenti.
I requisiti di Presidenti e Commissari e le modalità di costituzione delle Commissioni sono regolate dagli artt. 10, 11, 12 13 e 14 del D.M. 15 dicembre 2017 n. 995(clicca qui).



PROVA PRESELETTIVA CONCORSO DIRIGENTI SCOLASTICI : 29 MAGGIO 2018

Sulla G.U. n. 17 Serie Concorsi del 27.2.2018 (clicca qui) è stata pubblicata la data della prova preselettiva del concorso dirigenti che si svolgerà su tutto il territorio  nazionale il 29 maggio 2018 alle ore 10.
Nella stessa si rende noto che in data 8 maggio sul sito del Miur verranno pubblicati i quesiti oggetto della prova preselettiva.
L’elenco delle sedi della prova preselettiva  verrà  invece comunicato entro il 14 maggio 2018.

Si segnala apposito avviso(clicca qui) sul nuovo sito dell’USR dell’Emilia-Romagna.



DA OGGI LE DOMANDE PER IL CONCORSO RISERVATO AGLI ABILITATI

Da oggi 20 febbraio 2018 ore 9,00 fino al 22 marzo 2018 ore 23,59 è possibile presentare domanda in istanza online per il concorso ai docenti in possesso di abilitazione o in possesso di specializzazione per il sostegno(e ad I.T.P. inclusi nelle GAE o nella seconda fascia di istituto,) compresi gli insegnanti di ruolo, per una sola regione e anche per più classi di concorso.
Gli aspiranti che sosterranno una prova orale(punteggio massimo 40), di carattere non selettivo(inizieranno da aprile 2018) saranno inseriti in una graduatoria di merito regionale(che dovrà essere approvata entro il 31 agosto 2018) in base anche al punteggio dei titoli posseduti e del servizio(massimo 60 punti) di cui alla tabella A allegata al D.M. 15.12.2017 N. 995.
La prova orale, di natura metodologica-didattica, verte sui contenuti indicati nel D.M. 23.3.2016 prot. 95.
I candidati estrarranno la traccia sulla quale saranno esaminati 24 ore prima della prova. La prova,della durata di 45 minuti, consisterà in una lezione simulata con la quale i candidati  dovranno dimostrare le competenze nella scelta degli strumenti didattici e metodologici in relazione ai contenuti proposti ed ai contesti indicati. Gli stessi dovranno dimostrare la competenza di comprensione e conversazione nella lingua straniera prescelta(max 3 punti su 40).
Coloro che concorrono per classi di concorso di lingua straniera svolgeranno l’esame interamente in lingua straniera.
I docenti (art. 17 comma 2 lettera b)Dlvo 59/2017) assunti in base alla disponibilità dei posti dopo le immissioni in ruolo da concorso e da gae(art. 3 comma 2  lett. a) e art. 17 comma 2 lett. a)Dlvo 59/2017) saranno ammessi ad un percorso di un unico anno(terzo anno FIT)(art. 17 comma 5 Dlvo 13.4.17 n. 59) nel corso del quale sono tenuti tra l’altro a predisporre un progetto di ricerca azione(artt. 3 e 4 Decreto 14.12.2017 prot. 984).
Il Miur ha messo in linea una apposita pagina sul concorso 2018(clicca qui).
Si pone infine l’attenzione sulla notizia informativa  sindacale del 1 febbraio 2018 pubblicata sul sito  del  Miur(clicca qui)