Archivi categoria: Trasferimenti

MOBILITA’: SERVIZIO PRERUOLO SCUOLA MATERNA STATALE NON VALUTABILE PER DOCENTI RUOLO SCUOLA SECONDARIA

Un docente di scuola dell’infanzia che ha ottenuto il passaggio di ruolo nella scuola superiore da 1.9.2019 , con 12 anni di ruolo nell’infanzia , 3 anni di preruolo nell’infanzia e 3 anni di preruolo nella primaria mi chiede:

il servizio pre-ruolo di scuola dell’infanzia statale (ex scuola materna) è valutabile nei trasferimenti ed in caso affermativo dove va indicato nell’Allegato D Scuola secondaria?

La risposta é negativa: il servizio statale non di ruolo in scuola materna statale non è valutabile(RICONOSCIBILE) per i docenti di ruolo di scuola secondaria (diversamente per i docenti di scuola primaria).

Non può essere infatti indicato nell’ALLEGATO D scuola secondaria punto 3) lettera A) in quanto non è riconoscibile ai fini della carriera perchè non previsto dall’art 485 comma 1 del D.l.vo 297/1994 che trova conferma nella Ordinanza della Corte Costituzionale 21.3.2001 n. 89.
Il punto A) infatti recita : “Di aver prestato in possesso del prescritto titolo di studio, i seguenti servizi pre-ruolo riconoscibili ai sensi dell’art. 485 del DL.vo 297 del 6.4.94″.
Si fa presente che alcuni USP controllano i periodi indicati nel punto 3)lettera A) con la ricostruzione di carriera dell’interessato.

Non si può invocare, come qualcuno fa ,la nota ( 4) Allegato D della secondaria, uguale a quella dell’Allegato D scuola primaria che recita al punto” D) per gli a.s. dal 1974 /75 l’insegnante deve deve avere prestato servizio per almeno 180 giorni o ininterrottamente dal 1 febbraio fino alle operazioni di scrutinio finale o,in quanto riconoscibile, per la scuola dell’infanzia, fino al termine delle attività educative.” infatti è riconoscibile per la scuola primaria(art. 485 comma 3 D.L.vo n. 297/94) ma non per la scuola secondaria(non previsto da art. 485 comma 1 D.L.vo n. 297/94).

Il servizio di ruolo e non di ruolo nell’infanzia STATALE non è valutabile nella ricostruzione di carriera (CI SONO COMUNQUE SENTENZE CHE RICONOSCONO QUELLO DI RUOLO( Clicca qui)
Circa 25 anni fa I Sindacati hanno ottenuto nella contrattazione della mobilita’ la valutabilità del servizio di ruolo infanzia per i docenti di scuola secondaria facendolo inserire nella tabella di valutazione dei titoli lettera B1: infatti va indicato ai fini della mobilità scuola secondaria nel punto 3) lettera C (accanto al servizio di ruolo della primaria già pre- sente)dell’Allegato D scuola secondaria..

COSA CHE NON HANNO MAI FATTO(?) E/ O OTTENUTO PER IL PRERUOLO INFANZIA .STATALE.

Mi lascia perplesso il fatto che nessun sito( sindacale o di informazione ad esempio La Tecnica della Scuola, Orizzonte Scuola etc) che illustra la mobiIità con risposte, schede e vademecum abbia affrontato questo problema.



MOBILITA’ LSU : CCNI 8.4.2020 MOBILITA’ STRAORDINARIA LSU

Il CCNI precisa che il personale LSU immesso in ruolo con decorrenza 1 marzo 2020, acquisisce d’ufficio, con sede di titolarità la sede scelta all’atto dell’assunzione, senza quindi produrre domanda di trasferimento.
Prevede inoltre per l’anno 2020/21, ma sempre e solo nell’ambito degli 11263 posti di organico accantonati, una procedura di mobilità straordinaria per tutti coloro che a seguito delle immissioni i ruolo dal 1 marzo hanno ottenuto un posto intero e intendono spostarsi sui posti residuati a seguito della procedura straordinaria con la creazione di una graduatoria nazionale sulla base della quale consentire a coloro che non hanno ottenuto un contratto di lavoro e ai titolari di un contratto part-time di accedere ai posti rimasti vacanti dopo le immissioni in sedi diverse dalla provincia per la quale avevano presentato domanda.



DOMANDA MOBILITA’ DOCENTI IV CICLO SOSTEGNO

Il personale docente partecipante al IV ciclo TFA sostegno nel caso dovesse conseguire il titolo successivamente al 21 aprile e comunque 5 giorni prima del 5 giugno 2020(chiusura funzioni SIDI) , potrà ora presentare nei termini del 21 aprile 2020 domanda di mobilità riservandosi di presentare la dichiarazione personale di conseguimento del titolo in via telematica entro il 31 maggio 2020 come previsto dall’art. 23 comma 16 del CCNI. Lo fa presente il Miur con nota 3.4.2020 prot. 450



VINCOLO TRIENNALE DOMANDA DI MOBILITA’ ANCHE PER CODICE SINTETICO DEL COMUNE DI TITOLARITA’ SU DIVERSA TIPOLOGIA DI POSTO

Un docente di scuola media titolare di lettere nel Comune di Forlì nella scuola media n. 2 mi chiede: se presento domanda di trasferimento per passare dalla classe di concorso a sostegno ed esprimo il codice COMUNE FORLI , nel caso ottengo Il trasferimento sono soggetto al vincolo triennale?.

Purtroppo in base in base all’art. 2 comma 2 del CCNL 2019/22 la risposta è si .
Infatti nella mobilità per diversa tipologia di posto ( trasferimento da posto comune a posto di sostegno e/o viceversa e passaggio di ruolo e/o di cattedra)ottenuta all’interno del Comune di titolarità il vincolo triennale opera anche se ottenuta su una scuola con richiesta di codice SINTETICO.

SOLAMENTE NELLA MOBILITA’ PROVINCIALE(II fase: tra comuni diversi) CON ESPRESSIONE DI PREFERENZA SINTETICA( ad esempio Comune) come chiarito dal comma 5 dell’articolo 6 del CCNL NON OPERA IL BLOCCO TRIENNALE (“in tal caso non si applica quanto previsto dall’art. 2 comma 2 del presente contratto” -n.d.r. cioè blocco triennale per scuola ottenuta con richiesta puntuale).
E’ QUESTO IL MOTIVO PER CUI IN PRESENZA DI UNA SOLA SCUOLA IN UN COMUNE o anche di più scuole E’ PREFERIBILE INDICARE IL CODICE COMUNE E NON QUELLO DELLA SCUOLA.

Pertanto il vincolo triennale scatta non solo per i docenti soddisfatti nella mobilita territoriale(trasferimento) e nella mobilità professionale(passaggio di cattedra o di ruolo) su una scuola richiesta con preferenza puntuale di scuola(codice scuola), ma anche per quelli soddisfatti su una scuola richiesta con preferenza sintetica(codice Comune o Distretto ) nel comune di titolarità per trasferimento da posto comune a sostegno o viceversa, nonchè per mobilità professionale( passaggio di di ruolo e/o di cattedra).

Invece il blocco triennale non scatta per i docenti che richiedono soltanto codici sintetici, come quelli dei comuni e distretti( ovviamente diversi da quelli di titolarità), oppure codici sintetici delle province nel caso di mobilità interprovinciale.

IL BLOCCO TRIENNALE NON SI APPLICA ALLE SEGUENTI CATEGORIE DI DOCENTI:

A) DOCENTI BENEFICIARI DELLE PRECEDENZE DI CUI ALL’ART. 13 DEL CCNI NEL CASO ABBIANO OTTENUTO LA TITOLARITA’ IN UNA SCUOLA FUORI DAL COMUNE DOVE SI APPLICA LA PRECEDENZA( lesempio legge 104);

B) DOCENTI TRASFERITI D’UFFICIO O A DOMANDA CONDIZIONATA, ANCORCHE’ SODDISFATTI SU UNA PREFERENZA ESPRESSA.



ATA: SCHEDA GRADUATORIA INTERNA SOPRANNUMERARI

PREMETTO CHE IL PERSONALE ATA IMMESSO IN RUOLO DA 1.9.2019(a differenza del personale docente) E’ SU SEDE PROVVISORIA E DEVE PRESENTARE PERTANTO DOMANDA DI TRASFERIMENTO PER ACQUISIRE LA TITOLARITA’ E QUINDI NON DEVE PRESENTARE DOMANDA ALLA SCUOLA DI SERVIZIO ESSENDO SENZA SEDE PER LA GRADUATORIA INTERNA .

A seguito quesiti posti e considerato che le scuole devono preparare dopo il 27 APRILE 2020 e pubblicare le graduatorie interne anche del personale ATA entro il 12 maggio 2020 si ritiene utile precisare:

1) la tabella di valutazione dei titoli e dei servizi del personale ata (ALLEGATO E) è la stessa sia per i trasferimenti a domanda che per la graduatoria interna d’istituto.

2) è necessario leggere attentamente la nota 3) alla lettera B) del punto 1( anzianità di servizio) dove è evidenziata la differenza di valutazione del preruolo ai fini della mobilità a domanda(per intero) e  ai fini della graduatoria interna(i prima 4 anni per intero, il periodo eccedente i 4 anni è valutato per i due terzi). Viene precisato che  per i TRASFERIMENTI A DOMANDA  il servizio pre-ruolo svolto nella stessa area  va valutato punti 2 per ogni mese quello svolto in area diversa punti 1 per ogni mese; PER I TRASFERIMENTI D’UFFICIO(graduatoria interna) il servizio pre- ruolo va valutato sempre 1 punti ogni mese sia se svolto nella stessa area sia se svolto in area diversa.

3) è necessario prestare attenzione alla nota 4 della lettera D) in cui si precisa che “Ai fini del calcolo del punteggio di perdente posto si prescinde dal computo del triennio”.

4) è necessario prestare attenzione poi alla dicitura di cui al punto E) riferentesi alla continuità nel Comune dove è precisato “valido solo per i trasferimenti d’ufficio”  cioè le graduatorie interne.

5) è necessario anche  leggere attentamente la nota 4/Ter punti 2 Esigenze di famiglia in cui si evidenzia che nella graduatoria interna ci si riferisce non al ricongiungimento ma al non allontanamento.

6)è necessario infine leggere attentamente l’art. 45  del CCNI ed in particolare  il comma 5, 9 e 10 in cui è evidenziato che vanno valutati i titoli e le situazioni che si verificano entro il 27.4.2020.

Pertanto riassumendo:

Il Dirigente scolastico in base al comma 5 dell’art. 45 dopo il 27.04.2020 ed entro il 12 maggio 2020 deve formulare e pubblicare le graduatorie interne del personale ATA titolare valutando i titoli ed i servizi in base alla tabella ALLEGATO E.

Si ritiene utile ribadire le differenze di valutazione tra mobilità a domanda e graduatoria interna:

1)      il preruolo va valutato diversamente : nella domanda di mobilità per intero  con valutazione 2 punti quello prestato nella stessa area ed 1 punto quello prestato in area diversa;  nella graduatoria interna  per intero i primi 4 anni, i 2/3  oltre i 4 anni, con valutazione di 1 punto sia quello prestato nella stessa area sia quello in area diversa.

2)      Nella domanda di trasferimento si valuta solo la continuità nella scuola per almeno un triennio al quarto anno; nella graduatoria interna si valuta la continuità nella scuola già al secondo anno, ma si valuta anche la continuità nel Comune per i periodi immediatamente precedenti non coincidenti con la continuità nella scuola.

3)      Nella domanda di trasferimento non si valutano le esigenze di famiglia se si è titolari nello stesso comune della scuola(Nota 5/bis); per la graduatoria interna invece le esigenze di famiglia  non si interpretano come ricongiungimento ma come non allontanamento e quindi si valutano.

4)     il ruolo ed il preruolo valutato  a mese  fino al 27 APRILE 2020 sia per i trasferimenti che per la graduatoria interna.

5) la continuità nella scuola va valutata ad anno intero e quindi    fino al   31 agosto 2019 sia per i trasferimenti a domanda che per la graduatoria interna. L’eventuale continuità nel Comune per anni immediatamente precedenti solo per la graduatoria interna.

6)  tutti i titoli, compresi quelli di precedenza, vanno valutati compresi quelli maturati alla data del  27.04.2020

7)RECLAMO  AL DIRIGENTE PER GRADUATORIA INTERNA: l’art 45 del CCNI  al comma 7 prevede per l’ATA che” i dirigenti contestualmente alla pubblicazione della graduatoria( n.d.r interna per i soprannumerari) ……rendono disponibili ,su richiesta degli interessati, i documenti relativi alla graduatoria stessa”.

A seguito quesiti  sulla valutabilità del servizio militare  ai fini della ricostruzione carriera ecco la normativa  :

A)Prima del 1987 veniva valutato solo se prestato in costanza di rapporto di lavoro(art. 569 Dlvo 297/94)

B) il servizio miliare in corso al 30.1.1987 o prestato successivamente (fino al 31.12.2015) è valido ai fini della ricostruzione di carriera (art. 20 legge 24.12. 86 n.958 e art .7 comma 1 legge 30.12.1991 n. 412),anche se non in costanza di rapporto di lavoro: valutabile sia per i trasferimenti che per la graduatoria interna per il personale ATA (nota 3 a tabella valutazione)(punti 1 ogni mese).

Si valuta nella ricostruzione di carriera ATA anche il servizio prestato come docente e nella mobilità a domanda viene valutato sia come servizio in un altra area (punti 1 per ogni mese)  sia nella graduatoria interna punti 1 come tutto il preruolo



DOMANDA DI MOBILITA’ ATA ENTRO IL 27 APRILE 2020

Dal 1 aprile 2020 il Miur ha messo in linea in istanza online l’applicazione per la presentazione online della domanda di mobilità ATA.

Il personale ATA neoimmesso è senza sede e deve pertanto presentare domanda di mobilità per ottenere la sede di titolarità.

Il personale ATA può presentare domanda in due province, una quella di titolarità(o di nomina in ruolo senza sede) e un’altra a scelta.

L’USP di Forlì ha pubblicato aggiungendoli all’articolo del 27.03.2020 sul sito (clicca qui ) la Dichiarazione personale ATA e la Dichiarazione L. 104 ATA.

Le rimanenti autodichiarazioni ATA(ALLEGATO D-Servizio continuativo etc) si trovano sulla pagina dedicata alla mobilità sul sito del Miur alla voce “Autodichiarazioni” (clicca qui)

Il Miur , NEMMENO QUEST’ ANN0, non ha ripubblicato aggiornandolo in base alla nota 3 della Tabella di valutazione titoli ATA l’ALLEGATO D dichiarazione servizio , ma si è limitato in una  FAQ   pubblicata nella pagina mobilità a precisare:
“D. Il servizio di ruolo/pre-ruolo nella stessa area dove deve essere inserito?
R. Nella casella 1 del modello on-line.”
Nella GUIDA ONLINE  (allego la pagina)  e ribadito nella pag. 11 della “Guida Rapida della domanda di Mobilità personale ATA DI QUEST’ANNO(clicca qui) presente nella pagina dedicata alla mobilità 2020/21 di tutto il personale della scuola (clicca qui) è precisato cosa bisogna inserire nella casella 1 e nella casella 3.

La nota 3 alla TABELLA VALUTAZIONE infatti precisa:”La valutazione del servizio pre-ruolo svolto nella medesima area di appartenenza viene effettuata secondo il punteggio di cui alla tabella A dell’Allegato E lett. b( punti 2 nella mobilità a domanda; punti 1 nella mobilità d’ufficio). E’ valutato con punti 1 sia per la mobilità a domanda che per la mobilità d’ufficio il servizio di ruolo e non di ruolo prestato in area diversa, il servizio prestato nel ruolo docente, nonchè il servizio militare riconosciuto o riconoscibile ai fini della carriera ai sensi dell’art. 569 del decreto legislativo 297/94 e successive modifiche”.

I SINDACATI HANNO ELABORATO  UN ALLEGATO D, in assenza di quello ministeriale.
DALLO SCORSO ANNO SI VALUTA ANCHE IL SERVIZIO NON DI RUOLO PRESTATO PRESSO ENTI LOCALI O PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (come da tabella valutazione  voce c) )(FAQ N. 4 MIUR).
Infatti fino a due anni fa veniva valutato solo il servizio DI RUOLO PRESTATO PRESSO ENTI LOCALI O PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI.

SI ALLEGA AD OGNI BUON FINE ALLEGATO D SINDACATI(clicca qui)

ATTENZIONE: chi presenta domanda di mobilità dovrà indicare in maniera chiara i periodi e la qualifica in modo tale che l’USP possa procedere ad una valutazione corretta.
Il lavoro dell’USP  con il  vecchio ALLEGATO D si complica in quanto tutto il servizio preruolo prestato e riconosciuto ai fini della carriera si valuta in maniera diversa  nella mobilità a domanda: se prestato nella stessa area punti 2 ogni mese ,se prestato in area diversa punti 1 ogni mese.



SCUOLA SECONDARIA : GRADUATORIA INTERNA SOPRANNUMERARI

PREMETTO CHE IL PERSONALE DOCENTE IMMESSO IN RUOLO DA 1.9.2019(a differenza del personale ATA) E’ SU SEDE DEFINITIVA PUO’ QUINDI NON PRESENTARE DOMANDA DI MOBILITA’ MA DEVE ESSERE INSERITO NELLA GRADUATORIA DI ISTITUTO. Si fa presente che solo fino all’a.s. 2015/16 il docente veniva nominato su sede provvisoria e quindi doveva presentare domanda di mobilità per ottenere la sede definitiva ed non doveva essere inserito in graduatoria di istituto.

Si ritiene utile pubblicare  una scheda  editabile in formato doc per la graduatoria interna dei docenti titolari di scuola secondaria , considerato che le scuole in base al comma 3 dell’art. 21 del CCNI dovranno compilare entro 15 giorni (entro il 6 MAGGIO 2020) a partire dal 21 APRILE  le graduatorie dei perdenti posto COMPRENDENTI i docenti titolari , con i titoli posseduti alla data del 21 aprile 2020,  tenendo in considerazione le precedenze (tra cui la legge 104)   per cui il docente non deve essere incluso in dette graduatorie, tranne che la contrazione di organico  sia tale da rendere necessario il coinvolgimento.


ATTENZIONE: chi ha l’assistenza al familiare  portatore di disabilità domiciliato   in comune diverso da quello di titolarità deve per essere escluso dalla graduatoria interna aver presentato entro il 21 APRILE 2020 domanda di trasferimento volontario esprimendo come prima preferenza una scuola del Comune dell’assistito(art. 13 CCNI comma 2 ).

L’esclusione dalle graduatorie di istituto opera se il docente è titolare in una scuola ubicata nella stessa provincia in cui è domiciliato l’assistito.

Per una corretta compilazione della scheda è necessario compilare ed allegare la documentazione prevista per la domanda di trasferimento(ALLEGATO D, ALLEGATO F, dichiarazioni personali etc).

Si fa presente che nelle graduatorie interne vi sono differenze di valutazione rispetto alla domanda di trasferimento:
1) esigenze di famiglia (ad esempio ricongiungimento al coniuge …)si valutano come non allontanamento ed i figli si valutano sempre(nota 7 Note Comuni alle tabelle di valutazione dei trasferimenti).
2)Continuità nel Comune(non prevista per i trasferimenti a domanda)  (gli anni scolastici e la scuola vanno indicati nell ‘ALLEGATO F) (nota 5 bis alle Note Comuni alle tabelle di valutazione dei trasferimenti).
3)Continuità nella scuola già dal primo anno(non occorrono 3 anni come nei trasferimenti a domanda) (ALLEGATO F) (nota 5 bis alle Note Comuni alle tabelle di valutazione dei trasferimenti).

Si ricorda ad ogni buon fine che l’utilizzo sul sostegno fa maturare e non interrompe la continuità nella scuola:infatti   il CCNI  sulla mobilità  alla nota 5 quartultimo capoverso ( che tratta della continuità nella scuola) della  tabelle di valutazione dei titoli ai fini dei trasferimenti a domanda e d’ufficio  al quart’ultimo comma secondo periodo  testualmente recita:”………… il punteggio in questione spetta anche……….ai docenti utilizzati a domanda o d’ufficio, sui posti di sostegno anche in scuole o sedi diverse da quella di titolarità….”)

ATTENZIONE: detta continuità viene attribuita al docente trasferito nella nuova scuola quale soprannumerario, nel caso anche in quest’ultima viene formulata la graduatoria interna per l’individuazione del soprannumerario( ad esempio docente titolare per 4 anni nella Scuola A, trasferito nell’a.s. 2019/20 da 1.9.2019 nella scuola B : in quest’ultima scuola in caso di graduatoria interna ai fini dell’individuazione del soprannumerario gli devono essere considerati i 4 anni per continuità nella scuola A cioè come se li avesse prestati nella scuola B)
come previsto dall’art. 13 comma 1, punto II, alla fine del 6 capoverso e Nota 5 bis ALLEGATO 2).(VEDI ANCHE ART. 21 COMMA 11)

4)valutazione servizio pre-ruolo e altro ruolo: mentre nelle domande di mobilità vanno valutati sempre 6 punti; nelle graduatorie interne il servizio in altro ruolo va valutato 3 punti  il servizio pre-ruolo 3 punti fino a 4 anni e 2 punti per ogni anno in più .Pertanto ad esempio un docente che ha 6 anni di pre-ruolo:  nei trasferimenti ha diritto a 36 punti(6×6=36); nella graduatoria interna a SOLI 16 punti( 4*3=12; 2*2=4) (PREMESSA alle note Comuni alle tabelle dei trasferimenti  sesto capoverso).

ATTENZIONE: PUNTEGGIO AGGIUNTIVO per non aver presentato domanda di mobilità provinciale: non riguarda in alcun modo i docenti nominati in ruolo da 1.9.2004 (sede provvisoria), come è chiaro dalla nota 5 ter  Comuni alle tabelle di valutazione dei trasferimenti in quanto l’ultimo anno di maturazione del triennio  era il 2007/08 ed il docente doveva aver prestato 4 anni consecutivi nella stessa scuola con titolarità.

LE GRADUATORIE DI ISTITUTO SONO DUE (art. 21 comma 11 del CCNL) :
A) docenti di ruolo entrati a far parte dell’ organico dal 1.9.2019 per mobilità a domanda volontaria:
B) docenti di ruolo entrati a far parte dell’organico dagli anni scolastici precedenti 2019/20 o dal 1.9.2019 per mobilità d’ufficio o a domanda condizionata, ancorché soddisfatti in una delle preferenze espresse.



DOCENTI: CONSIGLI COMPILAZIONE DOMANDA MOBILITA’ ONLINE

Le domande di mobilità del personale docente vanno presentate online dal 28 marzo al 21 aprile 2020, allegando anche le dichiarazioni che vanno inserite , dopo averle compilate possibilmente in chiavetta, preventivamente nell’Area “Altri Servizi” Gestioni Allegati” di istanza online per poterli poi inserire nella sezione ALLEGATI della domanda.

Per ridurre i tempi di compilazione  della domanda è indispensabile ;

1) essersi registrato  in ISTANZA ONLINE e avere USERNAME e PASSWORD ( solo le stesse utilizzate per la posta elettronica del Miur)

2)il CODICE PERSONALE  per inviare domanda

LE CATEGORIE DI PERSONALE SONO DUE:

A) Chi presenta la domanda per la prima volta(neonominati in ruolo) per una corretta e rapida compilazione deve avere con se:

1) il decreto di nomina in ruolo

2)un elenco dei servizio pre-ruolo prestati, suddivisi per anno scolastico (si ricorda che sono valutabili solo i servizi prestati per almeno 180 giorni o ininterrottamente dal 1 febbraio  fino al termine degli scrutini o delle attività didattiche).

3) un elenco di tutti i titoli posseduti( concorso, laurea, corsi di perfezionamento, master, dottorato, ecc, ecc…) con dicitura, data di conseguimento, votazione;al fine di poter poi individuare i titoli valutabili( è consigliabile avere anche copia dei documenti).

4)  dati della persona cui si chiede il ricongiungimento(compresa la data di decorrenza della residenza): coniuge, genitori, figlio etc

5) elenco delle sedi scolastiche (15 per infanzia e primaria, 15 per secondaria di I e II grado) in ordine di preferenza;

6) eventuale certificazione per verificare il diritto a legge 104(tale documentazione va poi presentata anche cartacea alla scuola)

TUTTI I DATI SOPRACITATI SERVONO PER COMPILARE SIA LE DICHIARAZIONI PERSONALI SIA L’ALLEGATO D SIA LA DOMANDA.

B) Chi ha già presentato la domanda di trasferimento l’anno scorso oppure negli anni precedenti: deve avere tutti gli allegati già presentati(ALLEGATO D-Dichiarazione anzianità di servizio, DICHIARAZIONE PERSONALE, eventuale ALLEGATO F-Dichiarazione continuità da almeno un triennio: essere al quarto anno di servizio nella scuola di titolarità , eventuale dichiarazione punteggio aggiuntivo(10 punti) se spettante– per non aver presentato domanda di mobilità per un triennio e non aver ovviamente conseguito la mobilità non è più possibile conseguirlo iniziando il triennio da febbraio 2006 -) che vanno aggiornati, inseriti nell’Area “Altri Servizi” “Gestioni Allegati” prima di procedere ad allegarli indicandoli nella domanda online

SI fa riferimento agli allegati presenti sul sito del Miur nella sezione AUTODICHIARAZIONI(clicca qui)

Si allegano ad ogni buon fine  per il personale docente le seguenti dichiarazionI IN PDF già presenti sul sito dell’USP di Forlì( ad eccezione dell’ultima) IN FORMATO doc per la domanda di mobilità dello scorso anno(clicca qui):

FACSIMILE DICHIARAZIONE PERSONALE (pluridichiarazioni : esigenze famiglia(punto 3); titoli posseduti(punto 2) etc.

DICHIARAZIONE PERSONALE LEGGE 104

DICHIARAZIONE FAMILIARI NON IN GRADO DI PRESTARE ASSISTENZA

La compilazione di detti allegati o aggiornamento degli stessi, possibilmente in una chiavetta USB, deve essere fatto prima della compilazione della domanda di mobilità online.

TALI ALLEGATI POTRANNO POI ESSERE INDICATI COME ALLEGATI ALLA DOMANDA SOLAMENTE SE PRECEDENTEMENTE SONO STATI



DOMANDE MOBILITA’ : DA DOMANI 28.3.2020. PAGINA MIUR

Come gli anni scorsi il Miur ha allestita una pagina con scadenzario dedicata alla mobilità 2020/2021(clicca qui) dove sono presenti la modulistica (facsimile di domande), le autodichiarazioni(Allegato D, Allegato F, dichiarazione punteggio aggiuntivo etc.) ,gli elenchi ufficiali delle scuole nonché le guide rapide per la domanda di mobilità per la scuola del’infanzia(clicca qui), per la scuola primaria(clicca qui), per la scuola media(clicca qui) e per la scuola superiore(clicca qui) .
In fondo alla pagina le normative(O.M. 182 e 183 del 20 marzo 2020).
Le domande vanno presentate online. Solo i docenti di religione cattolica la domanda cartacea.

Stranamente al momento manca il link al CCNI triennale 2019/2022 presente invece nella pagina dello scorso anno(clicca qui) e la nota di trasmissione delle due O.M. prot. 6904 del 24.3.2020 (clicca qui) che aiuta a comprendere chi può presentare domanda in riferimento al concorso riservato 2018 scuola secondaria(DDG 85/2018) riguardante i fit , visto il linguaggio burocratese( poco chiaro ) usato nell’art. 1 comma 3 e 4 della O.M. 182 del 23.3.2020.

Restiamo in attesa dell’Help Desk promesso dal Ministro sul sito dello stesso:

“Con riferimento alla mobilità 2020/2021 del personale della scuola (docenti, personale educativo e Ata) il Ministero dell’Istruzione fa sapere che ci sarà il massimo impegno per supportare i dipendenti coinvolti. Si lavora, infatti, a sistemi di aiuto per la compilazione delle domande. Si va dall’attivazione di help desk su base regionale, a una guida con le istruzioni dettagliate, per aiutare chi dovesse incontrare difficoltà. “



VINCOLO QUINQUENNALE MOBILITA’ 2020/21: DOCENTI FIT ED EX FIT

Un docente FIT di scuola secondaria che lo scorso anno era stato nominato con incarico a tempo determinato da 1.9.2018 da graduatoria approvata entro il 31.8.2018 e che ha fatto il fit ed ora è stato confermato in ruolo da 1.9.2019 e non aveva potuto lo scorso anno fare domanda di mobilità in quanto non di ruolo, mi chiede se quest’anno per il 2020/21 possa presentare domanda di mobilità o se invece è soggetto al vincolo quinquennale?

LA RISPOSTA SI TROVA NELL’ART. 1 COMMA 3 E 4 DELLA O.M. E NELLA CIRCOLARE DI TRASMISSIONE DELLA O.M. : PUO’ PRESENTARE DOMANDA DI MOBILITA’

In parole povere il comma 3 della O.M. disciplina i docenti ex fit del concorso riservato 2018 che sono stati nominati in ruolo , in base a graduatorie approvate dopo il 31.8.2018 ed entro il 31 dicembre 2018 nell’anno 2019 con decorrenza giuridica ed economica da 1.9.2019 in base all’art. 13 della legge 59/2017 come modificata dalla legge finanziaria 145/2018 in vigore dall’1.1.2019 e quindi soggetti alle regole di tale art. 13 modificato: VINCOLO QUINQUENNALE tranne eccezioni soprannumero o legge 104.

Diversa è la situazione di coloro nominati a tempo determinato dall’1.9.2018 in base all’art. 13 della legge 59/2017 in vigore al 31.12.2018 che hanno fatto il fit e sono stati confermati in ruolo da 1.9.2019, come da comma 4 della O.M.. POSSONO FARE DOMANDA DI MOBILITA’

Il Miur nella nota 24.3.2020 prot. 6904 (clicca qui)che trasmette la O.M. chiarisce bene, nell’illustrare la normativa(art. 13 comma 3 DLVO 59/2017 con le modifiche di cui alla legge 145/2018), quelli non soggetti al vincolo quinquennale (pag. 2 e 3):

SI RIPORTA LA PARTE CHE INTERESSA:

“…..una funzione di controllo… in fase di convalida delle domande…… segnalerà il personale soggetto alla suddetto disciplina …… consentendo ….. di consentire la partecipazione alla mobilità ai docenti che si trovino in una delle seguenti deroghe normativamente previste:

a)docenti soprannumerari o in esubero o ricadenti nel campo dell ‘applicazione dell’art. 33, commi 5 e 6, della legge 5 febbraio 19992 n. 104, limitatamente a fatti sopravventi successivamente al termine di presentazione delle istanza per il relativo concorso;

b)docenti avviati al percorso triennale di formazione, tirocinio e inserimento nella funzione docente (FIT) nell’anno scolastico 2018/19 soggetti quindi alla disciplina prevista dal decreto legislativo n. 59 del 2017 ,nel testo in vigore alla data del 31 dicembre 2018″