Archivi categoria: In evidenza

ARRETRATI CONTRATTO SCUOLA: 28 MAGGIO 2018

Con apposito messaggio NOIPA comunica che lunedì 28 maggio è la data di esigibilità degli arretrati.

L’effettiva disponibilità delle somme sui conti correnti può avvenire nell’arco dell’intera giornata.

Si allega per il personale docente un prospetto degli arretrati lordi 2016/17 e 2018.

Ognuno  di voi può calcolare il netto in tasca (SENZA CONSIDERARE eventuali addizionali regionali e comunali)procedendo così:
1)deve togliere dai lordi le ritenute assistenziali e previdenziali(11,15%);
2) sugli importi al lordo delle ritenute ass. e prev. del 2016/17 (A.P.) deve applicare  l’IRPEF MEDIA ;
3)sull’importo al lordo delle ritenuta ass. e prev. del 2018(A.C.) deve applicare l’aliquota massima IRPEF.
SIA L’ALIQUOTA MEDIA IRPEF CHE MASSIMA SONO RILEVABILI DAL PROPRIO CEDOLINO DELLO STIPENDIO.

Chi ha avuto dei passaggi di gradone nel 2016 o 2017 o è personale ATA può utilizzare l’applicativo di Michele Napoli(clicca qui)



CALCOLO ARRETRATI 2016-18 E INCREMENTO STIPENDIO GIUGNO 2018

Una docente di ruolo scuola primaria gradone 9 da 1.1.2015 mi chiede quanto percepirà di arretrati da 1 gennaio 2016 a  31 maggio 2018.

Ho proceduto così per fare il calcolo:
2016: 7,00 x13 mesi= 91,00 euro lorde
2017: 21,30 x13 mesi= 276,90 euro lorde
A queste cifre vanno tolte le ritenute assistenziali e previdenziali circa 11,15 per cento.
Al risultato(non avendomi mandato il cedolino nel quale si vede sia aliquota media che aliquota massima) io ho ipotizzato una aliquota media  24,36%.
In tal caso il netto in tasca arretrati 2016 e 2017 e di euro  247,25
2018 gennaio e febbraio: 21,30x 2= 42,60
2018 marzo , aprile maggio:  86,50 X 3= 259,50.
Gli 86,50 derivano da aumento 62,00 da 1.3.18 a cui si aggiungo i 14,00 euro di elemento perequativo e i 10,50 di aumento di RPD.
Totale 2018 gennaio maggio= euro 302,10
A questa cifra vanno tolte le ritenute assistenziali e previdenziali  circa 11,15%  per cento.
Al risultato aliquota massima del  27%.
In tal caso il netto in tasca arretrati 2018 euro 196,41.
TOTALI  LORDI ARRETRATI(DA 1.1.2016 A 31.5.2018) 670,00- NETTI 443,66

L’aumento lordo su stipendio in giugno 2018  è di euro 86,50 , tolti 11,95%( per la scuola secondaria 11,15%) e irpef massima  del 27% diventano nette in tasca circa euro 54,00
Per la scuola media  e scuola superiore ho elaborato la tabella Allegata(clicca qui).



FINESTRA SEMESTRALE 1 FEBBRAIO 2018: INTEGRAZIONE GRADUATORIE ISTITUTO D0CENTI

Il Miur ha emanato il D.D.G. 11 MAGGIO 2018 n. 784 ,in attuazione del D.M. 03/06/2015 n. 326,e del D.M. 23/04/2018 N. 335 pubblicando oggi 14 maggio 2018  in formato zippato sul sito nella prima pagina(CLICCA QUI)

Il decreto  disciplina:

l’inserimento in II fascia delle graduatorie di istituto dei docenti che abbiano conseguito il titolo di abilitazione oltre il termine di scadenza delle domande di aggiornamento triennale delle graduatorie ed entro il 1° febbraio 2018, per l’inserimento in un  elenco aggiuntivo alle graduatorie di II fascia;

l’inserimento negli elenchi aggiuntivi di sostegno dei docenti che conseguono il titolo di specializzazione per il sostegno agli alunni con disabilità, oltre il termine di aggiornamento triennale delle graduatorie ed entro il 1° febbraio 2018; gli stessi saranno collocati in coda agli elenchi di sostegno della fascia o dell’elenco aggiuntivo di appartenenza;

il riconoscimento della precedenza nell’attribuzione delle supplenze in III fascia di istituto per i docenti già inseriti in tali graduatorie, che conseguono il titolo di abilitazione, nelle more dell’inserimento nelle finestre semestrali.

limitatamente alle graduatorie di II fascia di scuola infanzia e primaria, l’integrazione del punteggio già attribuito per effetto della domanda di iscrizione/aggiornamento presentata entro il termine del 24 giugno 2017, con il servizio prestato presso le sezioni primavera

Le domande di inserimento negli elenchi aggiuntivi alle graduatorie di istituto di II fascia saranno effettuate, in modalità cartacea, con l’invio del modello A3, entro il 4 giugno 2018, ad una istituzione scolastica della provincia prescelta.

Per l’inserimento negli elenchi di sostegno, invece, dovrà essere presentato esclusivamente in modalità telematica, il modello A5  nel periodo compreso tra il 14 maggio/4 giugno 2018 (entro le ore 14,00).

Per la priorità nell’attribuzione delle supplenze di III fascia, va compilato il modello A4, indirizzandolo alla scuola capofila prescelta con la richiesta di inclusione in III fascia.

Per coloro che hanno svolte servizio nelle sezioni primavera dall’a.s. 2007/08 ed entro il 24 giugno 2017 dovranno utilizzare il modello A1/S e presentarlo alla scuola capofila entro il 4 giugno 2018.

Per la eventuale scelta delle sedi l’istanza dovrà essere presentata online tra il 7 giugno/27 giugno 2018(entro le ore 14,00).

Si allegano i soli MODELLO A/3  e A1/S, gli altri fac-simili da presentare online( Fac-simile Modello A4  e Fac-simile Modello A5) li trovate sul sito del Miur.



CONTRATTO SCUOLA 2016-2018 : ARRETRATI A MAGGIO E A GIUGNO STIPENDIO ADEGUATO AL NUOVO CCNL

Con apposito comunicato(clicca qui) NOIPA  rende noto che nel mese di maggio 2018 verranno corrisposti gli arretrati del nuovo contratto riferiti al periodo 1 gennaio 2016 -31 maggio 2018.

A partire dal  mese di giugno 2018 il valore mensile dello stipendio tabellare lordo sarà adeguato agli stipendi  previsti  dal C.C.N.L.

Sul sito stipendi  scuola (clicca qui)di Michele Napoli l’applicazione per gli arretrati(clicca qui)



REVOCA DOMANDA DI MOBILITA’: 10 GIORNI PRIMA O 5 GIORNI PRIMA CHIUSURA AREE ?

Fino alla O.M. relativa alla mobilità  per l’as. 2016/17 sia l’art. 2(termini per le operazioni di mobilità) c. 7 sia l’art. 5(rettifiche, revoche e rinunce) stabilivano in dieci giorni il termine ultimo della domanda di revoca dei trasferimenti.

Dalla OM. dello scorso anno invece si è lasciato fermo all ‘ art 2 comma 4 il termine dei dieci giorni, mentre all’art. 5 riguardante le revoche si è precisato che “la  richiesta di di revoca deve essere inviata tramite la scuola di servizio o presentata all’Ufficio territorialmente competente ed è presa in considerazione soltanto se pervenuta non oltre il quinto giorno utile prima del termine ultimo per la comunicazione al SIDI dei posti disponibili”, precisando nella nota 1 che  “Fa fede il protocollo della scuola alla quale è stata presentata l’istanza di revoca ovvero quella dell’Ufficio ricevente o  la ricevuta della pec”.

Considerato  che un docente potrebbe spedire con lettera AR la domanda di rinuncia: in base alla suddetta nota se spedita 5 giorni prima non è valida(NON FA FEDE IL TIMBRO POSTALE).

PERTANTO CONSIGLIO A TUTTI DI PRESENTARE LA DOMANDA 10 GIORNI PRIMA



ATA: SCHEDA GRADUATORIE INTERNE SOPRANNUMERARI

A seguito quesiti posti e considerato che le scuole devono preparare dopo il 14 MAGGIO 2018 e pubblicare le graduatorie interne anche del personale ATA entro il 29 maggio 2018 si ritiene utile precisare:

1) la tabella di valutazione dei titoli e dei servizi del personale ata (ALLEGATO E) è la stessa sia per i trasferimenti a domanda che per la graduatoria interna d’istituto.

2) è necessario leggere attentamente la nota 3) alla lettera B) del punto 1( anzianità di servizio) dove è evidenziata la differenza di valutazione del preruolo ai fini della mobilità a domanda(per intero) e  ai fini della graduatoria interna(i prima 4 anni per intero, il periodo eccedente i 4 anni è valutato per i due terzi). Viene precisato che  per i TRASFERIMENTI A DOMANDA  il servizio pre-ruolo svolto nella stessa area  va valutato punti 2 per ogni mese quello svolto in area diversa punti 1 per ogni mese; PER I TRASFERIMENTI D’UFFICIO(graduatoria interna) il servizio pre- ruolo va valutato sempre 1 punti ogni mese sia se svolto nella stessa area sia se svolto in area diversa.

3) è necessario prestare attenzione alla nota 4 della lettera D) in cui si precisa che “Ai fini del calcolo del punteggio di perdente posto si prescinde dal computo del triennio”.

4) è necessario prestare attenzione poi alla dicitura di cui al punto E) riferentesi alla continuità nel Comune dove è precisato “valido solo per i trasferimenti d’ufficio”  cioè le graduatorie interne.

5) è necessario anche  leggere attentamente la nota 4/Ter punti 2 Esigenze di famiglia in cui si evidenzia che nella graduatoria interna ci si riferisce non al ricongiungimento ma al non allontanamento.

6)è necessario infine leggere attentamente l’art. 45  del CCNI ed in particolare  il comma 5, 9 e 10 in cui è evidenziato che vanno valutati i titoli e le situazioni che si verificano entro il 14.5.2018.

Pertanto riassumendo:

Il Dirigente scolastico in base al comma 5 dell’art. 45 dopo il 14.05.2018 ed entro il 29 maggio 2018 deve formulare e pubblicare le graduatorie interne del personale ATA valutando i titoli ed i servizi in base alla tabella ALLEGATO E

Si ritiene utile ribadire le differenze di valutazione tra mobilità a domanda e graduatoria interna:

1)      il preruolo va valutato diversamente : nella domanda di mobilità per intero  con valutazione 2 punti quello prestato nella stessa area ed 1 punto quello prestato in area diversa;  nella graduatoria interna  per intero i primi 4 anni, i 2/3  oltre i 4 anni, con valutazione di 1 punto sia quello prestato nella stessa area sia quello in area diversa.

2)      Nella domanda di trasferimento si valuta solo la continuità nella scuola per almeno un triennio al quarto anno; nella graduatoria interna si valuta la continuità nella scuola già al secondo anno, ma si valuta anche la continuità nel Comune per i periodi immediatamente precedenti non coincidenti con la continuità nella scuola.

3)      Nella domanda di trasferimento non si valutano le esigenze di famiglia se si è titolari nello stesso comune della scuola(Nota 5/bis); per la graduatoria interna invece le esigenze di famiglia  non si interpretano come ricongiungimento ma come non allontanamento e quindi si valutano.

4)     il ruolo ed il preruolo valutato  a mese  fino al 14 maggio 2018 sia per i trasferimenti che per la graduatoria interna.

5) la continuità nella scuola va valutata ad anno intero e quindi    fino al   31 agosto 2017 sia per i trasferimenti a domanda che per la graduatoria interna. L’eventuale continuità nel Comune per anni immediatamente precedenti solo per la graduatoria interna.

6)  tutti i titoli, compresi quelli di precedenza, vanno valutati compresi quelli maturati alla data del  14.05.2018

7)RECLAMO  AL DIRIGENTE PER GRADUATORIA INTERNA: l’art 45 del CCNI  al comma 7 prevede per l’ATA che” i dirigenti contestualmente alla pubblicazione della graduatoria( n.d.r interna per i soprannumerari) ……rendono disponibili ,su richiesta degli interessati, i documenti relativi alla graduatoria stessa”.

A seguito quesiti  sulla valutabilità del servizio militare  ai fini della ricostruzione carriera ecco la normativa  :

A)Prima del 1987 veniva valutato solo se prestato in costanza di rapporto di lavoro(art. 569 Dlvo 297/94)

B) il servizio miliare in corso al 30.1.1987 o prestato successivamente (fino al 31.12.2015) è valido ai fini della ricostruzione di carriera (art. 20 legge 24.12. 86 n.958 e art .7 comma 1 legge 30.12.1991 n. 412),anche se non in costanza di rapporto di lavoro: valutabile sia per i trasferimenti che per la graduatoria interna per il personale ATA (nota 3 a tabella valutazione)(punti 1 ogni mese).

Si valuta nella ricostruzione di carriera ATA anche il servizio prestato come docente e nella mobilità a domanda viene valutato sia come servizio in un altra area (punti 1 per ogni mese)  sia nella graduatoria interna punti 1 come tutto il preruolo